Passa ai contenuti principali

Trapianto renale

Diversi anni dedicati alla ricerca e pratica nel trapianto del cane, anni di speranza e di studi da parte di innumerevoli ricercatori e medici chirurghi, la speranza di numerosi pazienti e relativi proprietari dei piccoli amici 4zampe: ad oggi si possono tirare le somme attraverso uno studio retrospettivo che ha valutato l'esito clinico del trapianto renale nel cane determinandone i fattori predittivi. Attraverso l'analisi di 26 cartelle cliniche appartenenti a pazienti sottoposti a trapianto renale nel corso di 12 anni.

trapianto rene

La sopravvivenza era di 24 giorni con una probabilità di sopravvivenza a 15 giorni del 50% e una probabilità di sopravvivenza a 100 giorni del 36%.

La causa di morte era attribuita a malattia tromboembolica in 8 cani, infezione in 6 cani e rigetto in 1 cane. L'unico fattore significativamente associato a una maggior probabilità di morte era l'età più avanzata al momento della chirurgia.

trapianto renale

Così, ad oggi, i risultati non sono soddisfacenti: il trapianto renale nel cane è associato a morbilità e mortalità elevate, osservano gli autori, e l'età crescente del ricevente è negativamente associata all'esito. Le complicazioni di natura tromboembolica sono un'importante causa di morte nell'immediato periodo postoperatorio e protocolli anticoagulanti efficaci potrebbero migliorare notevolmente la sopravvivenza in futuro.

Non ci resta dunque che attendere nel tempo lo sviluppo degli studi, della ricerca e di conseguenza l'introduzione di nuovi protocolli operatori che possano portare ai risultati sperati.

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGPET.net.
Lascia un commento per dire la tua o per chiedere informazioni

Commenti

Anonimo ha detto…
speravo di trovare una risposta positiva sul trapianto di reni...ho la mia cucciolona di 3 anni con insufficenza renale...sono disperata.
Lo staff ha detto…
Non si scoraggi, e cerchi con il suo veterinario di gestire al meglio la situazione, una diagnosi precisa e le adeguate scelte terapeutiche possono portare a grandi benefici.
Dott.ssa Daniela Ferrari
www.clinicaborgarello.it

Post popolari in questo blog

Il Coniglio nano: tutto quello che devi sapere

Il coniglio nano è un ottimo animale da compagnia. E’ socievole, affettuoso, allegro e abbastanza facile da gestire. E’ importante però conoscere alcune regole fondamentali per la sua salute fisica e psichica.
L’alloggiamentoLa gabbia deve essere sufficientemente grande da permettere al coniglio di trascorrervi piacevolmente le ore in cui non potrà stare libero, almeno un metro quadrato. Deve contenere una casetta in cui l’animale possa rifugiarsi, un abbeveratoio ( meglio se uno a goccia e uno a terra), una ciotola in cui versare il cibo, ed essere sempre provvista di fieno. Si può anche dotare con un rullo di sali minerali che il coniglio consumerà a piacere. La lettiera è importante, poiché il coniglio ha una pelle molto delicata che facilmente va incontro ad irritazioni, vanno bene la segatura (non di pino o cedro), la paglia, il fieno e i pellets di mais. Non è adatta la lettiera in sabbia per i gatti, troppo irritante per la pelle delle zampe, e la carta di giornale che se ingeri…

La partenza delle rondini

Le rondini (Hirundo rustica)sono il simbolo della primavera ma la loro partenza caratterizza anche l'arrivo dell'autunno. La rondine è presente in quasi tutto il mondo ed è residente in tutti i continenti tranne in Australia. I nidi sono fatti di fango ed erba cementati insieme e variano nella forma per adattarsi alla locazione es . Fienili. Le rondini sono monogame. Le coppie si formano ogni primavera dopo l'arrivo nelle zone di riproduzione, anche se alcune coppie che si sono riprodotte con successo si accoppiano per molti anni ancora. I maschi, per attrarre le femmine, cantano e fanno sfoggio delle loro code. Di solito le rondini si riproducono tra maggio e agosto a seconda delle zone. Le uova di norma 4-5 bianche con macchie marroni e lilla; viene deposto un uovo al giorno e c'è spesso una seconda covata. L'incubazione dura 13-17 giorni. Centinaia di migliaia di coppie di questa specie si sono riprodotte fino alla fine di agosto e, in questi giorni, adulti e gi…

Cani in Inghilterra

Finalmente! Dal 1° gennaio 2012 cambiano le regole per portare il proprio cane in Inghilterra: tempi normali come per tutti gli altri paesi europei.Vediamo insieme quali sono le variazioni:
Non vengono più richiesti l’esame del sangue e i 6 mesi di attesa.
Applicazione del microchip a norma ISO 11784 - ISO 11785.
Passaporto UE.
Vaccinazione antirabbica dal almeno 1mese.
Trattamenti contro pulci, zecche e antielmintici effettuati non più di 48 ore e non meno di 24 ore prima dell’ingresso in Inghilterra.E' raccomandato di  vaccinare il cane/gatto per la rabbia solo dopo aver effettuato o verificato la presenza del microchip cioè l’ultima vaccinazione antirabbica del essere stata effettuata dopo l’inserimento del microchip. Ricordarsi di richiede alla ASL il passaporto UE: una volta in possesso rimane valido per tutta la vita del cane.Calcolare attentamente quando va fatto il trattamento antiparassitario, considerate il mezzo utilizzato per il viaggio: aereo, auto,…