Passa ai contenuti principali

Le avventure di Honey e Nilak - Da Macchie a Cima Cannafusto, Versante Nord – Prima Parte

 

Il tempo per Pasqua non è dei migliori, dobbiamo aspettare il lunedì di Pasquetta per riuscire ad organizzare un’escursione in montagna. La mia Honey, quando è a casa con il tempaccio, esce giusto per far i bisogni e non credo si diverta molto a star sempre sul divano a sonnecchiare… Credo sia molto più felice a vagare per i monti in compagnia dei nostri amici a 2 e 4 zampe.

L’attesa, però, è stata ripagata: nelle ultime 24-48 ore sui Sibillini è caduta un po’ di neve ed il paesaggio che troviamo all’arrivo a Macchie, il nostro punto di partenza, è simile ad una cartolina di Natale. Un manto di candida neve inviolata ci aspetta e ci invita a salire ed esplorare quel mondo stupendo che sono i Sibillini, ancora una volta trasformati dalla presenza della neve in un luogo magico e quasi irreale.

clip_image002

Ci aspetta un’escursione impegnativa. Da Macchie dobbiamo risalire fino a Passo Cattivo e da lì scendere in Vallestretta per attaccare la ripida parete Nord della Cima Cannafusto. Questa cima è l’ombellico dei Sibillini: da lì, ovunque ci si giri, si vedono cime innevate.
Essere immersi in un mondo innevato, quando già le temperature primaverili si sono fatte sentire, ci giunge come un regalo inaspettato ma stupendo. E’ sempre un’emozione particolare calpestare la neve immacolata e saper che si è i primi a violare quel suolo dopo una nevicata; è un miscuglio di sensazioni che ti esplodono in cuore: sembra quasi di calpestare un suolo sacro, e ci si appresta a salire con un rispetto che è dato dalla meraviglia per la bellezza dei luoghi mescolata alla consapevolezza che occorrerà sudare e faticare per raggiungere la vetta e ammirare tutto il panorama nel suo splendore.

clip_image004

Sarà l’inaspettato color candido che avvolge ogni cosa o il dolce calore del sole che ci accompagna per tutta l’escursione ma oggi, più di altre volte, ci soffermiamo come bambini o turisti a fotografarci a vicenda ed a riprendere quei luoghi che ci affascinano.

Con noi oggi c’è anche Paolo un ragazzo conosciuto da poco ma che già consideriamo un compagno di salita. Insieme ci fermiamo a giocare con la geografia e i nomi dei monti che spuntano in ogni direzione: Il Berro, il Porche, il Monte Rotondo, quello più a Nord, il Vettore, quello più a Sud. Solo alla vista delle lancette dell’orologio ci rendiamo conto che è tempo di tornare e ridiscendere a Macchie attraverso i ripidi pendii di Vallinfante.

Il mio fisico, se pur abituato a camminare senza sosta per ore, inizia a dar i primi segnali di stanchezza in discesa sui pendii scivolosi. La distanza già percorsa non è poca: sono circa 15 km e il dislivello è ancora più impegnativo, 1580 m, ma la stanchezza che iniziavo a sentire, e che mai avrei ammesso di avere né a me stessa né tanto meno ai miei compagni per il troppo orgoglio, è scomparsa all’improvviso: all’inizio del bosco, così, senza nessun motivo apparente, Nilak, che sempre ci segue fedelmente, ci ha girato le spalle e se ne è andato per conto suo. Honey, la mia piccola meticcia è invece molto meno indipendente e non si è allontanata dai miei piedi. Vista la reazione di Honey, immagino che anche Nilak torni presto: se ci fosse stato un animale a catturare l’attenzione di Nilalk anche Honey avrebbe reagito. Invece nulla, tutti e due i cani sembrano tranquilli, ma Nilak continua ad allontanarsi senza badare a Matteo che subito lo richiama e lo sprona a tornare.

Il nostro più grande errore…….esserci infilati nel bosco e non averlo inseguito subito.

Fiduciosi di trovarlo alla macchina o che ci avrebbe raggiunto a breve, abbiamo infatti continuato a scendere, un po’ preoccupati, ma ancora inebriati dalla magnifica giornata che avevamo trascorso sereni e quindi assolutamente impreparati a reagire prontamente per arginare un potenziale problema.

L’incubo è iniziato alla macchina, Nilak non c’era!

Beatrice Tasso – il suo cane Honey
Matteo Pallotto – il suo cane Nilak    

NON PERDETE, LA SETTIMANA PROSSIMA, IL PROSEGUIMENTO DI QUESTA AVVENTURA DEI NOSTRI AMICI!

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGPET.net.
Lascia un commento per dire la tua o per chiedere informazioni

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Coniglio nano: tutto quello che devi sapere

Il coniglio nano è un ottimo animale da compagnia. E’ socievole, affettuoso, allegro e abbastanza facile da gestire. E’ importante però conoscere alcune regole fondamentali per la sua salute fisica e psichica.
L’alloggiamentoLa gabbia deve essere sufficientemente grande da permettere al coniglio di trascorrervi piacevolmente le ore in cui non potrà stare libero, almeno un metro quadrato. Deve contenere una casetta in cui l’animale possa rifugiarsi, un abbeveratoio ( meglio se uno a goccia e uno a terra), una ciotola in cui versare il cibo, ed essere sempre provvista di fieno. Si può anche dotare con un rullo di sali minerali che il coniglio consumerà a piacere. La lettiera è importante, poiché il coniglio ha una pelle molto delicata che facilmente va incontro ad irritazioni, vanno bene la segatura (non di pino o cedro), la paglia, il fieno e i pellets di mais. Non è adatta la lettiera in sabbia per i gatti, troppo irritante per la pelle delle zampe, e la carta di giornale che se ingeri…

La partenza delle rondini

Le rondini (Hirundo rustica)sono il simbolo della primavera ma la loro partenza caratterizza anche l'arrivo dell'autunno. La rondine è presente in quasi tutto il mondo ed è residente in tutti i continenti tranne in Australia. I nidi sono fatti di fango ed erba cementati insieme e variano nella forma per adattarsi alla locazione es . Fienili. Le rondini sono monogame. Le coppie si formano ogni primavera dopo l'arrivo nelle zone di riproduzione, anche se alcune coppie che si sono riprodotte con successo si accoppiano per molti anni ancora. I maschi, per attrarre le femmine, cantano e fanno sfoggio delle loro code. Di solito le rondini si riproducono tra maggio e agosto a seconda delle zone. Le uova di norma 4-5 bianche con macchie marroni e lilla; viene deposto un uovo al giorno e c'è spesso una seconda covata. L'incubazione dura 13-17 giorni. Centinaia di migliaia di coppie di questa specie si sono riprodotte fino alla fine di agosto e, in questi giorni, adulti e gi…

Cani in Inghilterra

Finalmente! Dal 1° gennaio 2012 cambiano le regole per portare il proprio cane in Inghilterra: tempi normali come per tutti gli altri paesi europei.Vediamo insieme quali sono le variazioni:
Non vengono più richiesti l’esame del sangue e i 6 mesi di attesa.
Applicazione del microchip a norma ISO 11784 - ISO 11785.
Passaporto UE.
Vaccinazione antirabbica dal almeno 1mese.
Trattamenti contro pulci, zecche e antielmintici effettuati non più di 48 ore e non meno di 24 ore prima dell’ingresso in Inghilterra.E' raccomandato di  vaccinare il cane/gatto per la rabbia solo dopo aver effettuato o verificato la presenza del microchip cioè l’ultima vaccinazione antirabbica del essere stata effettuata dopo l’inserimento del microchip. Ricordarsi di richiede alla ASL il passaporto UE: una volta in possesso rimane valido per tutta la vita del cane.Calcolare attentamente quando va fatto il trattamento antiparassitario, considerate il mezzo utilizzato per il viaggio: aereo, auto,…