Passa ai contenuti principali

Le avventure di Honey e Nilak – Canale di Monte Bicco

 

Nilak, con la sua mole, più che giocare, attenta ogni volta alla sicurezza di Honey, ma oramai tra loro c’è un accordo speciale e Honey è pronta a sopportare le sue “prepotenze ludiche”, caratteristiche di un cucciolo. Forse è un cane particolarmente paziente o forse è di indole più giocherellona di quanto si possa pensare e sottostà a questo particolare legame…giocare, darsi fastidio, comandare e sopraffarsi a vicenda: la magia è che restano comunque vicini nei momenti che contano…sembra perciò un legame perfetto e forse è l’esempio di come la natura ci guidi e ci consigli.

clip_image004[6]

Per domenica 29 gennaio abbiamo pensato di inoltrarci in un ambiente un po’ più tecnico e salire il Monte Bicco percorrendo il canale Maurizi - variante a destra - e la cresta Nord-Est (tratto finale in comune con la via Maurizi -Perucci).
Le previsioni sembrano garantirci una buona finestra operativa fino alla sera, con cielo coperto ma senza pericolo di precipitazioni, lo zero termico sarà intorno ai 1000 m. Si parte sempre presto, per trovare in buone condizioni la poca neve caduta quest’inverno, cioè ben ghiacciata e ramponabile.

L’incognita per come i cani affronteranno uno stretto canale ghiacciato, con pareti di roccia, è un po’ l’unica preoccupazione che abbiamo, ma Honey già conosce questi ambienti ed io sono convinta che entrambi i cani non avranno problemi: troveranno da soli il percorso più adatto all’ascesa, mentre noi dovremmo per forza infilarci dentro il canale e percorrerlo seguendo la lingua di neve che vi si è accumulata.

clip_image006[4]

Così infatti è stato, Nilak e Honey hanno camminato a tratti accanto a noi ed altre volte si sono spostati sulle pareti rocciose del canale, continuando a salire tenendoci d’occhio.

La parte finale del percorso, usciti dal canale, è un’esposta parete rocciosa, dove è più difficile avanzare perché la pendenza impedisce l’accumulo di neve e sulla roccia si forma uno strato di ghiaccio. Questo è il punto più delicato per i cani, che oramai però hanno presto dimestichezza con l’ambiente e avanzano cautamente accanto ai padroni, quasi che la nostra presenza li rassicuri, li spinga a non titubare e li renda capaci di tutto. Grande responsabilità per un padrone condurre il proprio cane in luoghi così impervi…perché il tuo cane, credo, ti seguirà ovunque.

Eravamo comunque pronti, con corde ed imbrachi, a legare a noi i nostri amici quadrupedi e non avremo mai permesso che si imbarcassero in un’impresa pericolosa o superiore alle loro capacità.

clip_image008[4]

La discesa, oramai rilassante, è un ottima prova di convergenza per Nilak, le pareti pendenti del versante est del monte sono ancora giacciate e Nilak ad ogni nuova escursione impara a controbilanciare il suo peso per percorrere senza problemi questo tipo di inclinazioni. Honey invece, essendo molto più leggera, si muove con meno problemi.

clip_image010[4]

Se mai si possa leggere la felicità nell’espressione di un cane io credo che, giocando in questi ambienti gelati, Nilak fosse oggi il cane più felice e soddisfatto del mondo. Per quanto riguarda Honey…oramai è rassegnata e si è convinta che il suo ruolo sia accompagnare i suoi “amici” umani ed animali in luoghi impervi ma veramente stupendi…

clip_image002[6]

Matteo Pallotto – il suo cane Nilak    
Beatrice Tasso – il suo cane Honey

NELLE PROSSIME SETTIMANE CONTINUEREMO A PUBBLICARE GLI ARTICOLI DI BEATRICE: NON PERDETELI!

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGPET.net.
Lascia un commento per dire la tua o per chiedere informazioni

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Coniglio nano: tutto quello che devi sapere

Il coniglio nano è un ottimo animale da compagnia. E’ socievole, affettuoso, allegro e abbastanza facile da gestire. E’ importante però conoscere alcune regole fondamentali per la sua salute fisica e psichica.
L’alloggiamentoLa gabbia deve essere sufficientemente grande da permettere al coniglio di trascorrervi piacevolmente le ore in cui non potrà stare libero, almeno un metro quadrato. Deve contenere una casetta in cui l’animale possa rifugiarsi, un abbeveratoio ( meglio se uno a goccia e uno a terra), una ciotola in cui versare il cibo, ed essere sempre provvista di fieno. Si può anche dotare con un rullo di sali minerali che il coniglio consumerà a piacere. La lettiera è importante, poiché il coniglio ha una pelle molto delicata che facilmente va incontro ad irritazioni, vanno bene la segatura (non di pino o cedro), la paglia, il fieno e i pellets di mais. Non è adatta la lettiera in sabbia per i gatti, troppo irritante per la pelle delle zampe, e la carta di giornale che se ingeri…

La partenza delle rondini

Le rondini (Hirundo rustica)sono il simbolo della primavera ma la loro partenza caratterizza anche l'arrivo dell'autunno. La rondine è presente in quasi tutto il mondo ed è residente in tutti i continenti tranne in Australia. I nidi sono fatti di fango ed erba cementati insieme e variano nella forma per adattarsi alla locazione es . Fienili. Le rondini sono monogame. Le coppie si formano ogni primavera dopo l'arrivo nelle zone di riproduzione, anche se alcune coppie che si sono riprodotte con successo si accoppiano per molti anni ancora. I maschi, per attrarre le femmine, cantano e fanno sfoggio delle loro code. Di solito le rondini si riproducono tra maggio e agosto a seconda delle zone. Le uova di norma 4-5 bianche con macchie marroni e lilla; viene deposto un uovo al giorno e c'è spesso una seconda covata. L'incubazione dura 13-17 giorni. Centinaia di migliaia di coppie di questa specie si sono riprodotte fino alla fine di agosto e, in questi giorni, adulti e gi…

Cani in Inghilterra

Finalmente! Dal 1° gennaio 2012 cambiano le regole per portare il proprio cane in Inghilterra: tempi normali come per tutti gli altri paesi europei.Vediamo insieme quali sono le variazioni:
Non vengono più richiesti l’esame del sangue e i 6 mesi di attesa.
Applicazione del microchip a norma ISO 11784 - ISO 11785.
Passaporto UE.
Vaccinazione antirabbica dal almeno 1mese.
Trattamenti contro pulci, zecche e antielmintici effettuati non più di 48 ore e non meno di 24 ore prima dell’ingresso in Inghilterra.E' raccomandato di  vaccinare il cane/gatto per la rabbia solo dopo aver effettuato o verificato la presenza del microchip cioè l’ultima vaccinazione antirabbica del essere stata effettuata dopo l’inserimento del microchip. Ricordarsi di richiede alla ASL il passaporto UE: una volta in possesso rimane valido per tutta la vita del cane.Calcolare attentamente quando va fatto il trattamento antiparassitario, considerate il mezzo utilizzato per il viaggio: aereo, auto,…