Passa ai contenuti principali

Le avventure di Honey e Nilak – Valle di S. Romana

 

Se parli con gli alpinisti, che siano o meno esperti, il loro linguaggio risulterà simile: tra alpinisti si parla tutti la stessa lingua e, spesso, si sente dire che la montagna è complice delle amicizie più vere, che per conoscere nel profondo una persona devi andarci in montagna e scalare con lei le vette più belle, che l’andare in montagna insieme è l’espressione di solidarietà più alta che si possa creare in un gruppo.

Anche se può suonare un po’ forte, questo è assolutamente vero per le persone e lo è stato anche per Nilak e Honey.

clip_image002

Alla prima uscita su un dislivello notevole, Nilak, ancora cucciolo alle prime armi in fatto di neve, ha chiesto, a modo suo, aiuto a Honey, già abituata a passeggiare su superfici ghiacciate ed inclinate; e lei, forse senza rendersene conto, è stata determinante ed ha fatto da punto di riferimento e da esempio.

Con Matteo abbiamo deciso di scalare il Canale Nord del Monte Bove, detto anche Canale dei Pastori o Valle di S. Romana, cioè il ripido canale che delimita a sinistra la parete Est del Monte Bove Nord, con un dislivello di 700 m . Nilak, appena la salita è diventata impegnativa, ha incontrato le prime difficoltà: per la prima volta metteva la zampe su un lastrone di giacchio, ripido e scivoloso, e inizialmente non riusciva a capire perché i cuscinetti delle sue zampe non aderissero piu’ al suolo.

clip_image004

Un po’ stranito o forse solo un po’ perplesso cercava di seguire il proprio padrone (e né Matteo né io gli abbiamo tolto per un istante gli occhi di dosso…); sapevamo benissimo come si sarebbe comportata Honey, e stavamo aspettando di vedere come avrebbe reagito Nilak.

clip_image006

Lui, dopo il primo attimo di esitazione, si è fidato dei nostri incitamenti e, se pur perplesso, ha continuato coraggiosamente l’ascesa. In breve ha iniziato a prender confidenza con il suo corpo, ha riadattato l’equilibrio alla pendenza del sentiero ed ha imparato a valutare il grado di scivolosità del suolo. Le poche volte in cui, trovandosi maggiormente in difficoltà, si fermava o procedeva con scarsa sicurezza, i nostri incitamenti lo hanno spinto a proseguire; ma più forte di ogni altra cosa, per aiutarlo ad imparare velocemente, è stato l’esempio di Honey, che gli ha fatto capire la fortuna di aver quattro zampe motrici ed un baricentro molto abbassato.

clip_image008

Presa fiducia, Nilak come Honey hanno proseguito tranquillamente e presto abbiamo percorso l’intera Valle Romana sbucando in cresta. Poi, passando per la vetta del Bove Sud, siamo ridiscesi a Forca della Cervara e tornati a Casali per la Val di Panico.

Un percorso complessivo di 15 km con un dislivello totale di 1170 metri…non male per un principiante!

Beatrice Tasso – il suo cane Honey
Matteo Pallotto – il suo cane Nilak

GLI INTERESSANTI REPORTAGE DI BEATRICE, CHE CI PERMETTONO DI CONOSCERE I COMPORTAMENTI DEI NOSTRI AMICI QUATTROZAMPE IN MONTAGNA, CONTINUERANNO ANCHE LA PROSSIMA SETTIMANA: NON PERDETELI!

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGPET.net.
Lascia un commento per dire la tua o per chiedere informazioni

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Coniglio nano: tutto quello che devi sapere

Il coniglio nano è un ottimo animale da compagnia. E’ socievole, affettuoso, allegro e abbastanza facile da gestire. E’ importante però conoscere alcune regole fondamentali per la sua salute fisica e psichica.
L’alloggiamentoLa gabbia deve essere sufficientemente grande da permettere al coniglio di trascorrervi piacevolmente le ore in cui non potrà stare libero, almeno un metro quadrato. Deve contenere una casetta in cui l’animale possa rifugiarsi, un abbeveratoio ( meglio se uno a goccia e uno a terra), una ciotola in cui versare il cibo, ed essere sempre provvista di fieno. Si può anche dotare con un rullo di sali minerali che il coniglio consumerà a piacere. La lettiera è importante, poiché il coniglio ha una pelle molto delicata che facilmente va incontro ad irritazioni, vanno bene la segatura (non di pino o cedro), la paglia, il fieno e i pellets di mais. Non è adatta la lettiera in sabbia per i gatti, troppo irritante per la pelle delle zampe, e la carta di giornale che se ingeri…

La partenza delle rondini

Le rondini (Hirundo rustica)sono il simbolo della primavera ma la loro partenza caratterizza anche l'arrivo dell'autunno. La rondine è presente in quasi tutto il mondo ed è residente in tutti i continenti tranne in Australia. I nidi sono fatti di fango ed erba cementati insieme e variano nella forma per adattarsi alla locazione es . Fienili. Le rondini sono monogame. Le coppie si formano ogni primavera dopo l'arrivo nelle zone di riproduzione, anche se alcune coppie che si sono riprodotte con successo si accoppiano per molti anni ancora. I maschi, per attrarre le femmine, cantano e fanno sfoggio delle loro code. Di solito le rondini si riproducono tra maggio e agosto a seconda delle zone. Le uova di norma 4-5 bianche con macchie marroni e lilla; viene deposto un uovo al giorno e c'è spesso una seconda covata. L'incubazione dura 13-17 giorni. Centinaia di migliaia di coppie di questa specie si sono riprodotte fino alla fine di agosto e, in questi giorni, adulti e gi…

Cani in Inghilterra

Finalmente! Dal 1° gennaio 2012 cambiano le regole per portare il proprio cane in Inghilterra: tempi normali come per tutti gli altri paesi europei.Vediamo insieme quali sono le variazioni:
Non vengono più richiesti l’esame del sangue e i 6 mesi di attesa.
Applicazione del microchip a norma ISO 11784 - ISO 11785.
Passaporto UE.
Vaccinazione antirabbica dal almeno 1mese.
Trattamenti contro pulci, zecche e antielmintici effettuati non più di 48 ore e non meno di 24 ore prima dell’ingresso in Inghilterra.E' raccomandato di  vaccinare il cane/gatto per la rabbia solo dopo aver effettuato o verificato la presenza del microchip cioè l’ultima vaccinazione antirabbica del essere stata effettuata dopo l’inserimento del microchip. Ricordarsi di richiede alla ASL il passaporto UE: una volta in possesso rimane valido per tutta la vita del cane.Calcolare attentamente quando va fatto il trattamento antiparassitario, considerate il mezzo utilizzato per il viaggio: aereo, auto,…