Passa ai contenuti principali

Le avventure di Honey e Nilak - 3

 

Per dare un nome appropriato ad un animale così bello Matteo ha preso spunto dalla lingua inuktun dei popoli del grande Nord dove molte sono le parole usate per indicare i vari tipi di ghiaccio e di neve, Nilak è una di queste e significa nell'esattezza “ghiaccio di acqua dolce” e forse Matteo l’ ha scelta proprio perché gli occhi del bellissimo animale sono dello stesso colore dell’acqua dolce ghiacciata.

Nilak è nato il 1 Gennaio 2011 , poco dopo la mezzanotte di capodanno e questo è stato il suo primo inverno trascorso in montagna con l’instancabile padrone.

clip_image002

L’ amicizia tra Honey e Nilak è nata, proprio con il sopraggiungere della neve, perché alle prime escursioni di quest’inverno Nilak, essendo ancora cucciolo, non aveva minimamente idea di come muoversi su questo manto ghiacciato e scivoloso, mentre Honey oramai abituata andava spedita.

Ma l’istinto dell’husky non ha impiegato molto ad emergere ed a indicare a Nilak il giusto approccio in ambienti innevati, in più l’esempio di Honey credo abbia accelerato un pò il suo imparare.

clip_image004

Fatto sta che due animali diversi, geneticamente, e per carattere sono diventati amici.

L’una, Honey guarda Nilak con preoccupazione finchè si è in macchina e in ambienti chiusi, perché “l’energumeno” è sempre pronto a giocare e sovrastare con la sua forza la piccola cagnetta che però ha formato un carattere guerriero e non si arrende davanti ad ostacoli enormi come un husky in carica.

L’altro, Nilak, ha deciso che il piccolo meticcio è il suo giocattolo preferito, il suo portafortuna e lo stuzzica di continuo per gioco o per non annoiarsi.

E’ così iniziata la loro amicizia e le nostre avventure in montagna.

Beatrice Tasso – il suo cane Honey
Matteo Pallotto – il suo cane Nilak

CONTINUATE A SEGUIRCI! LA PROSSIMA SETTIMANA BEATRICE VI FARA’ LA CRONACA DI UNA LORO ESCURSIONE!

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Coniglio nano: tutto quello che devi sapere

Il coniglio nano è un ottimo animale da compagnia. E’ socievole, affettuoso, allegro e abbastanza facile da gestire. E’ importante però conoscere alcune regole fondamentali per la sua salute fisica e psichica.
L’alloggiamentoLa gabbia deve essere sufficientemente grande da permettere al coniglio di trascorrervi piacevolmente le ore in cui non potrà stare libero, almeno un metro quadrato. Deve contenere una casetta in cui l’animale possa rifugiarsi, un abbeveratoio ( meglio se uno a goccia e uno a terra), una ciotola in cui versare il cibo, ed essere sempre provvista di fieno. Si può anche dotare con un rullo di sali minerali che il coniglio consumerà a piacere. La lettiera è importante, poiché il coniglio ha una pelle molto delicata che facilmente va incontro ad irritazioni, vanno bene la segatura (non di pino o cedro), la paglia, il fieno e i pellets di mais. Non è adatta la lettiera in sabbia per i gatti, troppo irritante per la pelle delle zampe, e la carta di giornale che se ingeri…

La partenza delle rondini

Le rondini (Hirundo rustica)sono il simbolo della primavera ma la loro partenza caratterizza anche l'arrivo dell'autunno. La rondine è presente in quasi tutto il mondo ed è residente in tutti i continenti tranne in Australia. I nidi sono fatti di fango ed erba cementati insieme e variano nella forma per adattarsi alla locazione es . Fienili. Le rondini sono monogame. Le coppie si formano ogni primavera dopo l'arrivo nelle zone di riproduzione, anche se alcune coppie che si sono riprodotte con successo si accoppiano per molti anni ancora. I maschi, per attrarre le femmine, cantano e fanno sfoggio delle loro code. Di solito le rondini si riproducono tra maggio e agosto a seconda delle zone. Le uova di norma 4-5 bianche con macchie marroni e lilla; viene deposto un uovo al giorno e c'è spesso una seconda covata. L'incubazione dura 13-17 giorni. Centinaia di migliaia di coppie di questa specie si sono riprodotte fino alla fine di agosto e, in questi giorni, adulti e gi…

Cani in Inghilterra

Finalmente! Dal 1° gennaio 2012 cambiano le regole per portare il proprio cane in Inghilterra: tempi normali come per tutti gli altri paesi europei.Vediamo insieme quali sono le variazioni:
Non vengono più richiesti l’esame del sangue e i 6 mesi di attesa.
Applicazione del microchip a norma ISO 11784 - ISO 11785.
Passaporto UE.
Vaccinazione antirabbica dal almeno 1mese.
Trattamenti contro pulci, zecche e antielmintici effettuati non più di 48 ore e non meno di 24 ore prima dell’ingresso in Inghilterra.E' raccomandato di  vaccinare il cane/gatto per la rabbia solo dopo aver effettuato o verificato la presenza del microchip cioè l’ultima vaccinazione antirabbica del essere stata effettuata dopo l’inserimento del microchip. Ricordarsi di richiede alla ASL il passaporto UE: una volta in possesso rimane valido per tutta la vita del cane.Calcolare attentamente quando va fatto il trattamento antiparassitario, considerate il mezzo utilizzato per il viaggio: aereo, auto,…