Passa ai contenuti principali

Cani e funghi

Con l'arrivo dell'autunno e la stagione dei funghi iniziano le prime passeggiate nei boschi anche in compagnia di Fido. Anche in questa occasione dobbiamo sempre prestare attenzione a ciò che il nostro amico 4zampe fiuta, e magari ingerisce.
Esistono più di 3000 specie di funghi mangerecci e velenosi. Molte delle specie sono velenose per l'uomo e per i nostri amici da compagnia. Il più conosciuto è il genere Amanita, che comprende molte specie velenose. I funghi producono diverse sostanze ad azione tossica. Nel fungo Amanita Muscaria e Amanita pantherina i segni neurologici associati all'ingestione sono causati dall'acido ibotenico e dal muscimolo.

fungo

Il sapore dei funghi poco intenso e l’istinto di sopravvivenza nei cani fa si che difficilmente ingeriscano cibo velenoso, ma ci sono tuttavia delle situazioni, in cui i cani ingeriscono tutto quello che trovano sotto il muso. Innanzitutto bisogna prestare molta attenzione agli animali domestici, specialmente quando sono molto giovani, per un cucciolo mordere significa scoprire il mondo che lo circonda. Mettete in sicurezza la vostra casa ed il giardino controllando i luoghi ove alloggiano i nostri amici a quattro zampe specialmente quando vengono lasciati soli a casa.
Diversi sono i sintomi da avvelenamento da funghi e agiscono in un lasso di tempo che va dai 15-30 minuti a 12 ore dall'ingestione, causando: iperventilazione, traspirazione, lacrimazione, nausea, vomito, diarrea, disidratazione,coliche. A carico del sistema nervoso centrale: sonnolenza, seguita da eccitazione, spasmo muscolare, sonno profondo e in alcuni casi anche coma e morte.

Se notate uno strano comportamento del vostro animale domestico a seguito di un'ingestione da funghi, o sospettate un'ingestione da funghi, non esitate e chiamate immediatamente il veterinario, il primo soccorso è fondamentale in questi casi.

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGPET.net.
Lascia un commento per dire la tua o per chiedere informazioni

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Coniglio nano: tutto quello che devi sapere

Il coniglio nano è un ottimo animale da compagnia. E’ socievole, affettuoso, allegro e abbastanza facile da gestire. E’ importante però conoscere alcune regole fondamentali per la sua salute fisica e psichica.
L’alloggiamentoLa gabbia deve essere sufficientemente grande da permettere al coniglio di trascorrervi piacevolmente le ore in cui non potrà stare libero, almeno un metro quadrato. Deve contenere una casetta in cui l’animale possa rifugiarsi, un abbeveratoio ( meglio se uno a goccia e uno a terra), una ciotola in cui versare il cibo, ed essere sempre provvista di fieno. Si può anche dotare con un rullo di sali minerali che il coniglio consumerà a piacere. La lettiera è importante, poiché il coniglio ha una pelle molto delicata che facilmente va incontro ad irritazioni, vanno bene la segatura (non di pino o cedro), la paglia, il fieno e i pellets di mais. Non è adatta la lettiera in sabbia per i gatti, troppo irritante per la pelle delle zampe, e la carta di giornale che se ingeri…

La partenza delle rondini

Le rondini (Hirundo rustica)sono il simbolo della primavera ma la loro partenza caratterizza anche l'arrivo dell'autunno. La rondine è presente in quasi tutto il mondo ed è residente in tutti i continenti tranne in Australia. I nidi sono fatti di fango ed erba cementati insieme e variano nella forma per adattarsi alla locazione es . Fienili. Le rondini sono monogame. Le coppie si formano ogni primavera dopo l'arrivo nelle zone di riproduzione, anche se alcune coppie che si sono riprodotte con successo si accoppiano per molti anni ancora. I maschi, per attrarre le femmine, cantano e fanno sfoggio delle loro code. Di solito le rondini si riproducono tra maggio e agosto a seconda delle zone. Le uova di norma 4-5 bianche con macchie marroni e lilla; viene deposto un uovo al giorno e c'è spesso una seconda covata. L'incubazione dura 13-17 giorni. Centinaia di migliaia di coppie di questa specie si sono riprodotte fino alla fine di agosto e, in questi giorni, adulti e gi…

Cani in Inghilterra

Finalmente! Dal 1° gennaio 2012 cambiano le regole per portare il proprio cane in Inghilterra: tempi normali come per tutti gli altri paesi europei.Vediamo insieme quali sono le variazioni:
Non vengono più richiesti l’esame del sangue e i 6 mesi di attesa.
Applicazione del microchip a norma ISO 11784 - ISO 11785.
Passaporto UE.
Vaccinazione antirabbica dal almeno 1mese.
Trattamenti contro pulci, zecche e antielmintici effettuati non più di 48 ore e non meno di 24 ore prima dell’ingresso in Inghilterra.E' raccomandato di  vaccinare il cane/gatto per la rabbia solo dopo aver effettuato o verificato la presenza del microchip cioè l’ultima vaccinazione antirabbica del essere stata effettuata dopo l’inserimento del microchip. Ricordarsi di richiede alla ASL il passaporto UE: una volta in possesso rimane valido per tutta la vita del cane.Calcolare attentamente quando va fatto il trattamento antiparassitario, considerate il mezzo utilizzato per il viaggio: aereo, auto,…