Passa ai contenuti principali

La partenza delle rondini

Le rondini (Hirundo rustica)sono il simbolo della primavera ma la loro partenza caratterizza anche l'arrivo dell'autunno. La rondine è presente in quasi tutto il mondo ed è residente in tutti i continenti tranne in Australia. I nidi sono fatti di fango ed erba cementati insieme e variano nella forma per adattarsi alla locazione es . Fienili. Le rondini sono monogame. Le coppie si formano ogni primavera dopo l'arrivo nelle zone di riproduzione, anche se alcune coppie che si sono riprodotte con successo si accoppiano per molti anni ancora. I maschi, per attrarre le femmine, cantano e fanno sfoggio delle loro code. Di solito le rondini si riproducono tra maggio e agosto a seconda delle zone. Le uova di norma 4-5 bianche con macchie marroni e lilla; viene deposto un uovo al giorno e c'è spesso una seconda covata. L'incubazione dura 13-17 giorni. Centinaia di migliaia di coppie di questa specie si sono riprodotte fino alla fine di agosto e, in questi giorni, adulti e giovani si stanno preparando al grande salto per attraversare il Mediterraneo e poi il Sahara per giungere nelle foreste dell'Africa equatoriale dove vi sono i siti di svernamento.
 
rondini

La biologia della rondine e la migrazione di questa specie sono studiati da anni con un progetto di inanellamento coordinato a livello europeo. In Italia gli ornitologi coordinati dall'ISPRA hanno finora marcato oltre 500.000 individui. In Abruzzo quest'anno il WWF, in collaborazione con l'Ufficio Territoriale per la Biodiversità di Castel di Sangro del Corpo Forestale dello Stato, ha avviato l'attività di studio all'interno dell'azienda di Feudozzo, vicino Castel di Sangro (AQ). Il sito è molto particolare nel contesto italiano perché è posto in un territorio montano a 1000 metri di altitudine, presso un Sito di Importanza Comunitaria della Rete Natura2000.
Chiunque riprenderà questi individui potrà segnalare il ritrovamento all'ISPRA e così avremo un'informazione importante circa i loro spostamenti, dicono gli ornitologi; inoltre prevedono già che il prossimo anno saranno ripetute e potenziate le operazioni di inanellamento in questo sito per stabilire quanti individui adulti saranno tornati dopo i lunghi viaggi di migrazione di andata verso l'Africa e di ritorno verso l'Europa. Verificheranno quanti dei giovani nati nel sito saranno tornati nel luogo di nascita per nidificare, visitando anche le stalle limitrofe. Alcuni anni fa in Abruzzo inanellarono alcune migliaia di rondini e due di queste furono ricatturate in Repubblica Centrafricana, dove svernarono.

rondini1 Recentemente l'ISPRA ha pubblicato i risultati di una ricerca molto importante che ha evidenziato per la prima volta come le rondini siano “programmate geneticamente” per accumulare riserve di grasso utili per la migrazione in quantità differenti a seconda dell'area geografica dalla quale partono per il lungo volo verso l'Africa. Infatti i giovani che partono dal sud della penisola italiana, senza precedenti esperienze di migrazione, accumulano più grasso dei giovani che partono dal Sud della Spagna, perché questi ultimi nella migrazione verso sud dovranno attraversare tratti di mare e di deserto più stretti. L'area gestita dal Corpo Forestale dello Stato si presta a studi non solo sulla sopravvivenza ma anche sull'ecologia essendo una zona dove non vengono usati pesticidi e dove esiste un'agricoltura non intensiva. Per questo si pensa che l'arrivo dell'autunno possa essere considerato il periodo giusto per dire “arrivederci” a questi splendidi animali, sperando che il degrado continuo delle condizioni ambientali delle nostre campagne e delle aree di svernamento africane non diventi tale da far scomparire completamente dai nostri cieli questi splendidi animali.

bottone-animalstore380Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGPET.net.
Lascia un commento per dire la tua o per chiedere informazioni

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Coniglio nano: tutto quello che devi sapere

Il coniglio nano è un ottimo animale da compagnia. E’ socievole, affettuoso, allegro e abbastanza facile da gestire. E’ importante però conoscere alcune regole fondamentali per la sua salute fisica e psichica.
L’alloggiamentoLa gabbia deve essere sufficientemente grande da permettere al coniglio di trascorrervi piacevolmente le ore in cui non potrà stare libero, almeno un metro quadrato. Deve contenere una casetta in cui l’animale possa rifugiarsi, un abbeveratoio ( meglio se uno a goccia e uno a terra), una ciotola in cui versare il cibo, ed essere sempre provvista di fieno. Si può anche dotare con un rullo di sali minerali che il coniglio consumerà a piacere. La lettiera è importante, poiché il coniglio ha una pelle molto delicata che facilmente va incontro ad irritazioni, vanno bene la segatura (non di pino o cedro), la paglia, il fieno e i pellets di mais. Non è adatta la lettiera in sabbia per i gatti, troppo irritante per la pelle delle zampe, e la carta di giornale che se ingeri…

Cani in Inghilterra

Finalmente! Dal 1° gennaio 2012 cambiano le regole per portare il proprio cane in Inghilterra: tempi normali come per tutti gli altri paesi europei.Vediamo insieme quali sono le variazioni:
Non vengono più richiesti l’esame del sangue e i 6 mesi di attesa.
Applicazione del microchip a norma ISO 11784 - ISO 11785.
Passaporto UE.
Vaccinazione antirabbica dal almeno 1mese.
Trattamenti contro pulci, zecche e antielmintici effettuati non più di 48 ore e non meno di 24 ore prima dell’ingresso in Inghilterra.E' raccomandato di  vaccinare il cane/gatto per la rabbia solo dopo aver effettuato o verificato la presenza del microchip cioè l’ultima vaccinazione antirabbica del essere stata effettuata dopo l’inserimento del microchip. Ricordarsi di richiede alla ASL il passaporto UE: una volta in possesso rimane valido per tutta la vita del cane.Calcolare attentamente quando va fatto il trattamento antiparassitario, considerate il mezzo utilizzato per il viaggio: aereo, auto,…