Passa ai contenuti principali

L’ olfatto dei pinguini

La ricerca presso l'Università di Chicago e la Zoological Society di Chicago, che gestisce lo Zoo di Brookfield, mostra come gli uccelli sono in grado di riconoscere l'altro conspecifico.
"L'olfatto è probabilmente il meccanismo principale per il riconoscimento dei parenti per evitare di consanguineità all'interno della colonia.”

pin

Ulteriori studi sono stati condotti presso l'Università di Chicago: "Questo è il primo studio a fornire prove su come l'odore sia fonte discriminante per il riconoscimento dei parenti dentro e fuori dalla colonia e cioè: il riconoscimento di amici dai nemici, in generale, e in particolare di parenti e non parenti e di conseguenza indurre a modificare il comportamento", ha detto Mateo, che è uno specialista sul comportamento sociale. I pinguini sono soggetti ideali perché di solito vivono in colonie costituite da migliaia di uccelli. Vivono in coppie monogame - un accordo che facilita l'allevamento dei piccoli, dal momento che spesso i genitori, a turno, lasciando il nido per raccogliere cibo. Nonostante le dimensioni della comunità, i compagni sono in grado di trovare l'altro dopo aver viaggiato per giorni alla ricerca di cibo nel mare.
Nello studio condotto presso lo Zoo di Brookfield, i ricercatori hanno prima cercato di determinare se i pinguini sono stati in grado di riconoscere le persone familiari con l'olfatto, attraverso un esperimento: utilizzando una dozzina di pinguini, da un gruppo che comprendeva coppie nidificanti, la loro progenie e gli individui non appartenenti alla stessa famiglia. I ricercatori hanno prelevato campioni di feromoni dalle ghiandole vicino alla coda dei pinguini, dove viene secreto un olio che gli uccelli utilizzano per lisciarsi. Hanno messo l'olio su tamponi di cotone e strofinato l'odore all'interno di recinti, simile ai recinti utilizzati negli zoo per i nidi dei pinguini. Hanno anche messo l'odore su filtri di carta per il caffè e poi inseriti sotto i tappeti all'interno del recinto.
Quando i pinguini sono stati rilasciati nella zona recintata, i ricercatori hanno notato che i pinguini hanno trascorso più tempo nel recinto con odori familiari e all'interno dello stesso, distinguendo i conspecifici familiari dai non-familiari.

Quello che ho trovato particolarmente notevole sullo studio era che gli autori hanno identificato l'olio secreto dalla ghiandola perianali dei pinguini, che viene strofinato sulle piume per renderli idrorepellenti, come la fonte degli odori usati nel riconoscimento", ha detto Bryan D. Neff , professore e presidente associato di biologia, Università del Western Ontario e un esperto di comportamento sociale.

pingui

"E 'importante per gli uccelli che vivono in natura in grandi gruppi, come i pinguini, sapere chi sono i loro “vicini di casa” e andare d'accordo con gli uccelli nelle vicinanze," Watters ha detto . Soprattutto per la prole che di solito tende tornare nella stessa colonia di nidificazione, si può evitare l'accoppiamento fra individui della stessa famiglia.
I ricercatori hanno anche scoperto che quando gli uccelli sono stati esposti agli odori non familiari di parenti e odori non familiari di non parenti, hanno trascorso più tempo nel recinto con gli odori non familiari di non parenti, indicando che erano in grado di fare la distinzione, evitando così che i pinguini potessero attuare l'accoppiamento con i parenti.
La scoperta potrebbe anche aiutare gli zoo nella gestione dei loro programmi di allevamento. La capacità degli uccelli di essere in grado di riconoscere odori familiari, e quindi essere guidati nel loro territorio a casa ha anche un valore potenziale per naturalisti:"si potrebbe immaginare che se si stava tentando di reintrodurre gli uccelli in una zona, si potrebbe trattare la zona con un odore con cui gli uccelli avevano familiarità. Questo li aumenterebbe maggiormente la probabilità di restare."

bottone-animalstore380Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGPET.net.
Lascia un commento per dire la tua o per chiedere informazioni

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Coniglio nano: tutto quello che devi sapere

Il coniglio nano è un ottimo animale da compagnia. E’ socievole, affettuoso, allegro e abbastanza facile da gestire. E’ importante però conoscere alcune regole fondamentali per la sua salute fisica e psichica.
L’alloggiamentoLa gabbia deve essere sufficientemente grande da permettere al coniglio di trascorrervi piacevolmente le ore in cui non potrà stare libero, almeno un metro quadrato. Deve contenere una casetta in cui l’animale possa rifugiarsi, un abbeveratoio ( meglio se uno a goccia e uno a terra), una ciotola in cui versare il cibo, ed essere sempre provvista di fieno. Si può anche dotare con un rullo di sali minerali che il coniglio consumerà a piacere. La lettiera è importante, poiché il coniglio ha una pelle molto delicata che facilmente va incontro ad irritazioni, vanno bene la segatura (non di pino o cedro), la paglia, il fieno e i pellets di mais. Non è adatta la lettiera in sabbia per i gatti, troppo irritante per la pelle delle zampe, e la carta di giornale che se ingeri…

La partenza delle rondini

Le rondini (Hirundo rustica)sono il simbolo della primavera ma la loro partenza caratterizza anche l'arrivo dell'autunno. La rondine è presente in quasi tutto il mondo ed è residente in tutti i continenti tranne in Australia. I nidi sono fatti di fango ed erba cementati insieme e variano nella forma per adattarsi alla locazione es . Fienili. Le rondini sono monogame. Le coppie si formano ogni primavera dopo l'arrivo nelle zone di riproduzione, anche se alcune coppie che si sono riprodotte con successo si accoppiano per molti anni ancora. I maschi, per attrarre le femmine, cantano e fanno sfoggio delle loro code. Di solito le rondini si riproducono tra maggio e agosto a seconda delle zone. Le uova di norma 4-5 bianche con macchie marroni e lilla; viene deposto un uovo al giorno e c'è spesso una seconda covata. L'incubazione dura 13-17 giorni. Centinaia di migliaia di coppie di questa specie si sono riprodotte fino alla fine di agosto e, in questi giorni, adulti e gi…

Cani in Inghilterra

Finalmente! Dal 1° gennaio 2012 cambiano le regole per portare il proprio cane in Inghilterra: tempi normali come per tutti gli altri paesi europei.Vediamo insieme quali sono le variazioni:
Non vengono più richiesti l’esame del sangue e i 6 mesi di attesa.
Applicazione del microchip a norma ISO 11784 - ISO 11785.
Passaporto UE.
Vaccinazione antirabbica dal almeno 1mese.
Trattamenti contro pulci, zecche e antielmintici effettuati non più di 48 ore e non meno di 24 ore prima dell’ingresso in Inghilterra.E' raccomandato di  vaccinare il cane/gatto per la rabbia solo dopo aver effettuato o verificato la presenza del microchip cioè l’ultima vaccinazione antirabbica del essere stata effettuata dopo l’inserimento del microchip. Ricordarsi di richiede alla ASL il passaporto UE: una volta in possesso rimane valido per tutta la vita del cane.Calcolare attentamente quando va fatto il trattamento antiparassitario, considerate il mezzo utilizzato per il viaggio: aereo, auto,…