Passa ai contenuti principali

I bambini e gli animali domestici

 E’ un fatto universalmente riconosciuto che la convivenza dei bambini con gli animali domestici sia di grande beneficio per i piccoli che, essendo aiutati nel loro sviluppo affettivo, esprimono più facilmente ed in modo più diretto i loro sentimenti, sono più sensibili, più socievoli e sicuri di sé. Inoltre imparano a rispettare “l’altro”, anche se diverso, prendersene cura e comprendere che esistono bisogni comuni, come mangiare, dormire ed amare.

clip_image001

Il rapporto tra i bambini e gli animali è innato e governato dall’istinto, ma ciò non significa che non debba essere regolato, indirizzato e sorvegliato dagli adulti, poichè entrambi possono essere imprevedibili nelle loro reazioni.

ARRIVA UN ANIMALE DOVE VIVE GIA’ UN BAMBINO

Quando un adulto sceglie di accogliere in casa un animale, come compagno per i propri figli, ha il dovere di farlo responsabilmente : non deve farsi trascinare dalle mode, scegliendo l’animale o la razza più gettonata in quel momento, anche se non adatta al proprio stile di vita, e non deve pensare di poter delegare all’animale una parte del tempo o delle attenzioni che abitualmente prodiga a suo figlio.

L’adulto deve inoltre tenere ben presente l’impegno gestionale necessario alle cure quotidiane dei nostri amici animali, ma anche prevedere le soluzioni per quando ci si allontana da casa per brevi o lunghi periodi.

Un’altra responsabilità molto importante consiste nel preparare i bambini ad accogliere l’animale ed insegnar loro quali siano i modi per trattare con esso nel modo più corretto.

clip_image003

Non ultimo, pur non potendo pretendere da un bambino che si prenda cura dell’animale in modo costante e completo, è giusto e consigliabile affidare al bambino dei compiti particolari, come provvedere al riempimento della ciotola dell’acqua, e badare che li assolva con regolarità.

ARRIVA UN BAMBINO DOVE VIVE GIA’ UN ANIMALE

Quando poi, al contrario, il bambino arriva in una casa dove già abita un animale, l’adulto ha il compito di riuscire a farlo accogliere come un membro della famiglia, da amare e proteggere, e non come un intruso.

Le abitudini quotidiane dell’animale dovranno essere modificate meno possibile e, comunque, sempre gradualmente; se, ad esempio, volessimo precludere all’animale una zona della casa nella quale precedentemente era ammesso, sarà bene iniziare a farlo con molto anticipo rispetto al lieto evento.

Vanno poi smentite quelle voci che consigliano di allontanare dalla casa gli animali domestici per ragioni igieniche : un animale che venga regolarmente vaccinato e visitato da un medico veterinario, sottoposto alle profilassi antiparassitarie ed alle comuni norme igieniche, non costituisce alcun pericolo per il bambino.

clip_image005

La convivenza con un animale, pur con le debite precauzioni, può iniziare fin dalla nascita e consente ad entrambi di abituarsi gradualmente alla presenza dell’altro. I genitori dovranno aver cura di sorvegliare, per i primi tempi, l’approccio di cane o gatto e controllare che non si manifestino gelosie, con conseguenti atteggiamenti aggressivi : se l’animale non si sente trascurato, ma anzi coinvolto nella cura del piccolo, accetterà il bambino nel giro di pochi giorni e per qualche tempo, prima di accettarlo definitivamente, si limiterà a studiarlo a distanza.

A cura dello staff di Animalstore

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGPET.net.
Lascia un commento per dire la tua o per chiedere informazioni.

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGPET.net.
Lascia un commento per dire la tua o per chiedere informazioni

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Coniglio nano: tutto quello che devi sapere

Il coniglio nano è un ottimo animale da compagnia. E’ socievole, affettuoso, allegro e abbastanza facile da gestire. E’ importante però conoscere alcune regole fondamentali per la sua salute fisica e psichica.
L’alloggiamentoLa gabbia deve essere sufficientemente grande da permettere al coniglio di trascorrervi piacevolmente le ore in cui non potrà stare libero, almeno un metro quadrato. Deve contenere una casetta in cui l’animale possa rifugiarsi, un abbeveratoio ( meglio se uno a goccia e uno a terra), una ciotola in cui versare il cibo, ed essere sempre provvista di fieno. Si può anche dotare con un rullo di sali minerali che il coniglio consumerà a piacere. La lettiera è importante, poiché il coniglio ha una pelle molto delicata che facilmente va incontro ad irritazioni, vanno bene la segatura (non di pino o cedro), la paglia, il fieno e i pellets di mais. Non è adatta la lettiera in sabbia per i gatti, troppo irritante per la pelle delle zampe, e la carta di giornale che se ingeri…

La partenza delle rondini

Le rondini (Hirundo rustica)sono il simbolo della primavera ma la loro partenza caratterizza anche l'arrivo dell'autunno. La rondine è presente in quasi tutto il mondo ed è residente in tutti i continenti tranne in Australia. I nidi sono fatti di fango ed erba cementati insieme e variano nella forma per adattarsi alla locazione es . Fienili. Le rondini sono monogame. Le coppie si formano ogni primavera dopo l'arrivo nelle zone di riproduzione, anche se alcune coppie che si sono riprodotte con successo si accoppiano per molti anni ancora. I maschi, per attrarre le femmine, cantano e fanno sfoggio delle loro code. Di solito le rondini si riproducono tra maggio e agosto a seconda delle zone. Le uova di norma 4-5 bianche con macchie marroni e lilla; viene deposto un uovo al giorno e c'è spesso una seconda covata. L'incubazione dura 13-17 giorni. Centinaia di migliaia di coppie di questa specie si sono riprodotte fino alla fine di agosto e, in questi giorni, adulti e gi…

Cani in Inghilterra

Finalmente! Dal 1° gennaio 2012 cambiano le regole per portare il proprio cane in Inghilterra: tempi normali come per tutti gli altri paesi europei.Vediamo insieme quali sono le variazioni:
Non vengono più richiesti l’esame del sangue e i 6 mesi di attesa.
Applicazione del microchip a norma ISO 11784 - ISO 11785.
Passaporto UE.
Vaccinazione antirabbica dal almeno 1mese.
Trattamenti contro pulci, zecche e antielmintici effettuati non più di 48 ore e non meno di 24 ore prima dell’ingresso in Inghilterra.E' raccomandato di  vaccinare il cane/gatto per la rabbia solo dopo aver effettuato o verificato la presenza del microchip cioè l’ultima vaccinazione antirabbica del essere stata effettuata dopo l’inserimento del microchip. Ricordarsi di richiede alla ASL il passaporto UE: una volta in possesso rimane valido per tutta la vita del cane.Calcolare attentamente quando va fatto il trattamento antiparassitario, considerate il mezzo utilizzato per il viaggio: aereo, auto,…