Passa ai contenuti principali

Prevenire liti e paure

Tutto ciò che non si conosce fa paura: la migliore prevenzione è far sperimentare ai cuccioli una grande varietà di persone, cose e situazioni. Se un cucciolo ha paura di qualcosa o di qualcuno non deve essere forzato, ma abituato molto gradualmente: la paura delle persone e degli altri cani rappresenta un campanello di allarme.

Tutti i casi di paura eccessiva, soprattutto se apparentemente immotivata, devono richiedere attenzione, in particolar modo se dei bambini rientrano nella relazione: in una condizione di paura ci possono essere reazioni difensive eccessive e talvolta pericolose. Se il vostro cane tende a spaventarsi facilmente, anche in situazioni normali e quotidiane, non sottovalutate questo segnale e chiedete aiuto al vostro veterinario di fiducia.

In linea generale, se il cane manifesta delle paure bisogna favorire il processo di abituazione, incoraggiandolo e giocando con lui come se nulla fosse, senza “rassicurarlo” poiché questo contribuisce a rinforzare l'atteggiamento impaurito..

La fobia nei confronti di esseri umani è spesso la conseguenza di una privazione del contatto durante il periodo della socializzazione. Una volta nel suo gruppo familiare, il cucciolo deve venire a contatto regolarmente con individui diversi e il proprietario deve vegliare sulle qualità di questi incontri:

  • devono avvenire in ambiente aperto

  • devono essere ripetuti

  • devono essere eseguiti con dolcezza

(Quest'ultimo punto non è sempre facile da realizzare quando sono coinvolti dei bambini).

I cani dovrebbero essere abituati a incontrare anche altri cani, quindi è fondamentale portarli spesso a passeggiare in luoghi frequentati: una buona abitudine è quella di ricercare l'incontro con altri cuccioli o adulti tranquilli in modo tale da insegnare ,da subito, al nostro giovane amico a relazionarsi con i suoi simili in maniera serena. Le fobie intraspecifiche, ovvero la paura degli altri cani, possono essere in gran parte evitate grazie alle scuole per cuccioli (puppy class).

L'aggressività tra maschi adulti è piuttosto comune e, se questo è il caso del vostro cane , ricordate che gli incontri frontali e improvvisi vanno sempre prevenuti; soprattutto nelle zone affollate e negli spazi ristretti evitate di far avvicinare frontalmente due cani al guinzaglio.

 Patentino-cani24

Ricordate, inoltre, che la paura del proprietario, spesso espressa fisicamente con la trazione sul guinzaglio, accentua la paura del cane.

Nelle situazioni in cui i cani si trovano a interagire liberi, è importante non interpretare sempre il pelo dritto, le orecchie dritte e la postura rigida come intenzioni aggressive: la maggior parte delle volte, se i due individui sono socievoli e abituati a stare con altri cani, l’incontro si risolverà senza liti. Ricordate però di non intervenire se il "colloquio" fra loro è iniziato, ma allontanatevi insieme all'altro proprietario lasciando agli animali la possibilità di conoscersi tranquillamente. In questi casi intromettersi tra i due cani o prendere per il collare uno dei due potrebbe rendere innaturale la comunicazione e persino scatenare reazioni aggressive. In generale lasciare che due cani liberi si affrontino senza intervenire è la scelta più opportuna, ma occorre sempre considerare le caratteristiche degli animali e il contesto dove avvengono gli incontri.
L'aggressività verso tutti i tipi di cani è un problema di comportamento che deve essere affrontato chiedendo immediatamente  aiuto al vostro veterinario.

Se vuoi leggere gli altri articoli: link articoli precedenti.

Torneremo lunedì prossimo con un nuovo argomento.

A cura di Silvana Cavaglià e della Clinica Borgarello

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGPET.net.
Lascia un commento per dire cosa ne pensi o per chiedere informazioni.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Coniglio nano: tutto quello che devi sapere

Il coniglio nano è un ottimo animale da compagnia. E’ socievole, affettuoso, allegro e abbastanza facile da gestire. E’ importante però conoscere alcune regole fondamentali per la sua salute fisica e psichica.
L’alloggiamentoLa gabbia deve essere sufficientemente grande da permettere al coniglio di trascorrervi piacevolmente le ore in cui non potrà stare libero, almeno un metro quadrato. Deve contenere una casetta in cui l’animale possa rifugiarsi, un abbeveratoio ( meglio se uno a goccia e uno a terra), una ciotola in cui versare il cibo, ed essere sempre provvista di fieno. Si può anche dotare con un rullo di sali minerali che il coniglio consumerà a piacere. La lettiera è importante, poiché il coniglio ha una pelle molto delicata che facilmente va incontro ad irritazioni, vanno bene la segatura (non di pino o cedro), la paglia, il fieno e i pellets di mais. Non è adatta la lettiera in sabbia per i gatti, troppo irritante per la pelle delle zampe, e la carta di giornale che se ingeri…

La partenza delle rondini

Le rondini (Hirundo rustica)sono il simbolo della primavera ma la loro partenza caratterizza anche l'arrivo dell'autunno. La rondine è presente in quasi tutto il mondo ed è residente in tutti i continenti tranne in Australia. I nidi sono fatti di fango ed erba cementati insieme e variano nella forma per adattarsi alla locazione es . Fienili. Le rondini sono monogame. Le coppie si formano ogni primavera dopo l'arrivo nelle zone di riproduzione, anche se alcune coppie che si sono riprodotte con successo si accoppiano per molti anni ancora. I maschi, per attrarre le femmine, cantano e fanno sfoggio delle loro code. Di solito le rondini si riproducono tra maggio e agosto a seconda delle zone. Le uova di norma 4-5 bianche con macchie marroni e lilla; viene deposto un uovo al giorno e c'è spesso una seconda covata. L'incubazione dura 13-17 giorni. Centinaia di migliaia di coppie di questa specie si sono riprodotte fino alla fine di agosto e, in questi giorni, adulti e gi…

Cani in Inghilterra

Finalmente! Dal 1° gennaio 2012 cambiano le regole per portare il proprio cane in Inghilterra: tempi normali come per tutti gli altri paesi europei.Vediamo insieme quali sono le variazioni:
Non vengono più richiesti l’esame del sangue e i 6 mesi di attesa.
Applicazione del microchip a norma ISO 11784 - ISO 11785.
Passaporto UE.
Vaccinazione antirabbica dal almeno 1mese.
Trattamenti contro pulci, zecche e antielmintici effettuati non più di 48 ore e non meno di 24 ore prima dell’ingresso in Inghilterra.E' raccomandato di  vaccinare il cane/gatto per la rabbia solo dopo aver effettuato o verificato la presenza del microchip cioè l’ultima vaccinazione antirabbica del essere stata effettuata dopo l’inserimento del microchip. Ricordarsi di richiede alla ASL il passaporto UE: una volta in possesso rimane valido per tutta la vita del cane.Calcolare attentamente quando va fatto il trattamento antiparassitario, considerate il mezzo utilizzato per il viaggio: aereo, auto,…