Passa ai contenuti principali

La comunicazione tra uomo e cane

I cani per comunicare si avvalgono di tre canali principali: l’olfatto, l’udito e la vista. Ciascuno di questi sensi ha caratteristiche peculiari negli animali che, pertanto, li utilizzano in maniera differente dall'uomo. Patentino-cani9

Per quanto riguarda la comunicazione  uomo-cane, questi ultimi si avvalgono principalmente delle posture con noi, ma anche tra loro: la posizione delle orecchie, della coda, lo sguardo hanno molti e differenti significati.

Una comunicazione efficace è fondamentale per stabilire e mantenere una relazione stabile anche tra cane e uomo. Per evitare di interpretare i segnali comunicativi dei cani usando solo parametri propri della comunicazione umana è molto importante che l’uomo impari a riconoscere ed interpretare il linguaggio dei cani. I sistemi sociali delle due specie si assomigliano molto e ciò porta ad avere un elevato numero di segnali similari; anche se questo da un lato facilita, talvolta crea delle incomprensioni perché “simile” non vuol dire “uguale”.

E' innanzitutto indispensabile da parte del proprietario una certa coerenza e costanza sia nei comportamenti che nell’uso delle parole (importanti anch'esse!) rivolte al proprio animale Ovviamente il cane non comprenderà il significato della singola parola, ma percepisce il tono e il contesto in cui il segnale viene emesso: evitare perciò segnali discordanti e utilizzare sempre le stesse parole quando si chiede al cane di fare qualcosa. Ad esempio se per far stare fermo il cane usiamo ogni volta parole diverse (“resta!”, “stai!”, “fermo!”, “stop!”) creiamo confusione e l'animale non riuscirà così ad associare il suono di quella parola al comportamento richiesto. Per questo motivo tutti i membri della famiglia devono utilizzare gli stessi segnali comunicativi e rispondere in maniera coerente ai comportamenti del proprio amico a quattro zampe. Non dimentichiamo che i cani sono abilissimi nell’usare e osservare il linguaggio del corpo proprio perché è uno dei fondamenti della loro comunicazione intraspecifica. Noi, invece, solitamente prestiamo poca attenzione al linguaggio del nostro corpo e, inconsapevolmente, possiamo trasmettere segnali incoerenti rendendo inefficace o difficile comprendersi.

Riportiamo uno schema utile per comunicare attraverso il nostro corpo con il cane.

Posizione del busto

- inclinata in avanti (approccio dominante e minaccioso: da evitare)

- verticale (neutra: OK)

- inclinata indietro (approccio sottomesso: da evitare)

Traiettoria di avvicinamento al cane

- diretta verso testa o fianco del cane (approccio dominante e minaccioso: da evitare)

- indiretta, aggirando il cane e avvicinandosi a lui posteriormente (approccio amichevole: OK)

Lo sguardo: direzione e persistenza

- diretto verso gli occhi del cane (provocazione al combattimento: da evitare)

- diretto verso la groppa (sguardo del dominante: da usare solo se necessario)

- continuo (approccio dominante o invito al combattimento: da evitare)

- interrotto (tregua o sottomissione o amichevole: OK)

Nel prossimo articolo vi racconteremo nel dettaglio la comunicazione olfattiva.

Se vuoi leggere gli altri articoli: link articoli precedenti.

Torneremo lunedì prossimo con un nuovo argomento.

A cura di Silvana Cavaglià e della Clinica Borgarello

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGPET.net.
Lascia un commento per dire la tua o per chiedere informazioni.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Coniglio nano: tutto quello che devi sapere

Il coniglio nano è un ottimo animale da compagnia. E’ socievole, affettuoso, allegro e abbastanza facile da gestire. E’ importante però conoscere alcune regole fondamentali per la sua salute fisica e psichica.
L’alloggiamentoLa gabbia deve essere sufficientemente grande da permettere al coniglio di trascorrervi piacevolmente le ore in cui non potrà stare libero, almeno un metro quadrato. Deve contenere una casetta in cui l’animale possa rifugiarsi, un abbeveratoio ( meglio se uno a goccia e uno a terra), una ciotola in cui versare il cibo, ed essere sempre provvista di fieno. Si può anche dotare con un rullo di sali minerali che il coniglio consumerà a piacere. La lettiera è importante, poiché il coniglio ha una pelle molto delicata che facilmente va incontro ad irritazioni, vanno bene la segatura (non di pino o cedro), la paglia, il fieno e i pellets di mais. Non è adatta la lettiera in sabbia per i gatti, troppo irritante per la pelle delle zampe, e la carta di giornale che se ingeri…

La partenza delle rondini

Le rondini (Hirundo rustica)sono il simbolo della primavera ma la loro partenza caratterizza anche l'arrivo dell'autunno. La rondine è presente in quasi tutto il mondo ed è residente in tutti i continenti tranne in Australia. I nidi sono fatti di fango ed erba cementati insieme e variano nella forma per adattarsi alla locazione es . Fienili. Le rondini sono monogame. Le coppie si formano ogni primavera dopo l'arrivo nelle zone di riproduzione, anche se alcune coppie che si sono riprodotte con successo si accoppiano per molti anni ancora. I maschi, per attrarre le femmine, cantano e fanno sfoggio delle loro code. Di solito le rondini si riproducono tra maggio e agosto a seconda delle zone. Le uova di norma 4-5 bianche con macchie marroni e lilla; viene deposto un uovo al giorno e c'è spesso una seconda covata. L'incubazione dura 13-17 giorni. Centinaia di migliaia di coppie di questa specie si sono riprodotte fino alla fine di agosto e, in questi giorni, adulti e gi…

Cani in Inghilterra

Finalmente! Dal 1° gennaio 2012 cambiano le regole per portare il proprio cane in Inghilterra: tempi normali come per tutti gli altri paesi europei.Vediamo insieme quali sono le variazioni:
Non vengono più richiesti l’esame del sangue e i 6 mesi di attesa.
Applicazione del microchip a norma ISO 11784 - ISO 11785.
Passaporto UE.
Vaccinazione antirabbica dal almeno 1mese.
Trattamenti contro pulci, zecche e antielmintici effettuati non più di 48 ore e non meno di 24 ore prima dell’ingresso in Inghilterra.E' raccomandato di  vaccinare il cane/gatto per la rabbia solo dopo aver effettuato o verificato la presenza del microchip cioè l’ultima vaccinazione antirabbica del essere stata effettuata dopo l’inserimento del microchip. Ricordarsi di richiede alla ASL il passaporto UE: una volta in possesso rimane valido per tutta la vita del cane.Calcolare attentamente quando va fatto il trattamento antiparassitario, considerate il mezzo utilizzato per il viaggio: aereo, auto,…