Passa ai contenuti principali

Tempi e spazi necessari al cane

La necessità di “spazio” è strettamente correlato con lo stile di vita del proprietario e la sua “disponibilità” in termini di tempo: un cane che viene portato spesso a passeggio e a giocare al parco o nelle aree cani può vivere anche in un appartamento relativamente piccolo. Non importa quale sia la grandezza dell'abitazione, l'importante è che il cane abbia a disposizione un luogo tranquillo dove riposare; se ciò non avviene, l'animale potrebbe diventare particolarmente nervoso e irritabile. L'esercizio quotidiano e posto riparato e non “di passaggio” (corridoi, porte, ecc) possono ridurre l'esigenza di spazio. Patentino-cani7

Un altro fattore che influenza la necessità di spazio è il numero di persone e cani con cui ciascun individuo deve convivere: per esempio l'introduzione di un cucciolo, dove già viveva un altro cane, o l'arrivo di un bambino potrebbero far nascere necessità di avere più spazio.

Ma non bisogna dimenticare che i cani hanno soprattutto bisogno di interagire con i proprietari e la solitudine, anche se lo spazio disponibile è abbondante, causa sofferenza più di ogni altra privazione.

Per quanto riguarda l'esercizio quotidiano non esistono regole precise: in generale per cani di taglia piccola e toy bastano tre passeggiate di almeno venti minuti al giorno e un'uscita più lunga, per giocare ed esplorare. Con cani attivi e di taglia maggiore, invece, può essere necessario un minimo di due ore di esercizio al giorno. I cani che vivono o hanno libero accesso a un giardino devono essere comunque portati a passeggiare regolarmente, almeno una volta al giorno.

L'attività fisica è certamente indispensabile e dovremmo attentamente valutare se quella che stiamo fornendo al nostro cane è sufficiente considerando l'età, la razza e le caratteristiche individuali; non dimentichiamo che è altresì importante stimolare la mente dei nostri cani. In questa prospettiva si può proporre ai nostri amici diversi giochi mirati all'utilizzo della loro capacità “intellettuale”: possono essere semplici giochi di ricerca (trovare un boccone nascosto, fare una piccola pista), giochi di attivazione mentale (trovare la soluzione ad un problema proposto), insegnare al cane il nome e a distinguere i diversi oggetti (palla, treccia, ecc...).

Anche gli esercizi di educazione di base o avanzata, l'agility e le attività cinofile in genere, se portate avanti nel rispetto del cane, dei suoi tempi e delle sue caratteristiche ed effettuate sempre con un approccio positivo, sono un sistema utile per fare attività stimolanti e divertenti insieme.

Infine è necessario che il cane possa partecipare il più possibile alla nostra vita, ad esempio venendo con noi quando usciamo e non restando solo a casa troppe ore, e che i membri della famiglia dedichino durante la giornata dei momenti specifici per interagire e giocare con lui. Una insufficiente quantità di stimoli e attività può provocare la comparsa di noia, stress e problemi di comportamento.

Ne consegue che garantendo all'animale un'adeguata quantità di tempo in cui esercitarsi,fisicamente e mentalmente, e creando una corretta relazione con esso, si possono prevenire e risolvere problemi comportamentali.

Il cane è un animale sociale e per lui la solitudine non è naturale, soprattutto se si tratta di un cucciolo: a questo riguardo, nei limiti del possibile, i piccoli non dovrebbero essere lasciati soli per più di quattro ore di seguito durante il giorno. I cani adulti sono molto più adattabili, ma un periodo di solitudine continuativo, più di sei-sette ore, è comunque causa di sofferenza.

Come per tutto il resto, anche il rimanere da soli è una questione di abitudine, ma questa dovrebbe essere “insegnata” in maniera graduale, soprattutto nei i cuccioli. Per tale motivo è fondamentale non rispondere a tutte le richieste di attenzione: un buon metodo è impedire al piccolo di seguire i proprietari dovunque. Una porta chiusa deve essere una condizione normale e accettabile nella quale il cane semplicemente aspetta che il proprietario torni.

Se vuoi leggere gli altri articoli: link articoli precedenti.

Torneremo lunedì prossimo con un nuovo argomento.

A cura di Silvana Cavaglià e della Clinica Borgarello

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGPET.net.
Lascia un commento per dire la tua o per chiedere informazioni.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Coniglio nano: tutto quello che devi sapere

Il coniglio nano è un ottimo animale da compagnia. E’ socievole, affettuoso, allegro e abbastanza facile da gestire. E’ importante però conoscere alcune regole fondamentali per la sua salute fisica e psichica.
L’alloggiamentoLa gabbia deve essere sufficientemente grande da permettere al coniglio di trascorrervi piacevolmente le ore in cui non potrà stare libero, almeno un metro quadrato. Deve contenere una casetta in cui l’animale possa rifugiarsi, un abbeveratoio ( meglio se uno a goccia e uno a terra), una ciotola in cui versare il cibo, ed essere sempre provvista di fieno. Si può anche dotare con un rullo di sali minerali che il coniglio consumerà a piacere. La lettiera è importante, poiché il coniglio ha una pelle molto delicata che facilmente va incontro ad irritazioni, vanno bene la segatura (non di pino o cedro), la paglia, il fieno e i pellets di mais. Non è adatta la lettiera in sabbia per i gatti, troppo irritante per la pelle delle zampe, e la carta di giornale che se ingeri…

La partenza delle rondini

Le rondini (Hirundo rustica)sono il simbolo della primavera ma la loro partenza caratterizza anche l'arrivo dell'autunno. La rondine è presente in quasi tutto il mondo ed è residente in tutti i continenti tranne in Australia. I nidi sono fatti di fango ed erba cementati insieme e variano nella forma per adattarsi alla locazione es . Fienili. Le rondini sono monogame. Le coppie si formano ogni primavera dopo l'arrivo nelle zone di riproduzione, anche se alcune coppie che si sono riprodotte con successo si accoppiano per molti anni ancora. I maschi, per attrarre le femmine, cantano e fanno sfoggio delle loro code. Di solito le rondini si riproducono tra maggio e agosto a seconda delle zone. Le uova di norma 4-5 bianche con macchie marroni e lilla; viene deposto un uovo al giorno e c'è spesso una seconda covata. L'incubazione dura 13-17 giorni. Centinaia di migliaia di coppie di questa specie si sono riprodotte fino alla fine di agosto e, in questi giorni, adulti e gi…

Cani in Inghilterra

Finalmente! Dal 1° gennaio 2012 cambiano le regole per portare il proprio cane in Inghilterra: tempi normali come per tutti gli altri paesi europei.Vediamo insieme quali sono le variazioni:
Non vengono più richiesti l’esame del sangue e i 6 mesi di attesa.
Applicazione del microchip a norma ISO 11784 - ISO 11785.
Passaporto UE.
Vaccinazione antirabbica dal almeno 1mese.
Trattamenti contro pulci, zecche e antielmintici effettuati non più di 48 ore e non meno di 24 ore prima dell’ingresso in Inghilterra.E' raccomandato di  vaccinare il cane/gatto per la rabbia solo dopo aver effettuato o verificato la presenza del microchip cioè l’ultima vaccinazione antirabbica del essere stata effettuata dopo l’inserimento del microchip. Ricordarsi di richiede alla ASL il passaporto UE: una volta in possesso rimane valido per tutta la vita del cane.Calcolare attentamente quando va fatto il trattamento antiparassitario, considerate il mezzo utilizzato per il viaggio: aereo, auto,…