Passa ai contenuti principali

L’orso: antenato dell’uomo?

L'uomo si distingue dalle altre specie animali per numerose caratteristiche, tra cui la più “sovrastimata” (e forse anche la più discutibile!) è la sua “intelligenza”. Per avvalorare la tesi sulla sua “indubbia superiorità!”, spende un sacco di tempo a disquisire sugli “altri” animali, arrogandosi il diritto di giudicarne le abitudini e le capacità “intellettuali”, stilando “classifiche” su chi è l'animale più intelligente (dopo l'uomo ovviamente!), fedele, egoista, buono, cattivo....e via dicendo.orso-bruno

Allora vediamo come, ad esempio, il cane “vinca” sul gatto, in una gara evidentemente “non voluta” né dall'uno, né dall'altro: sarà forse perchè, per sua natura e per una mera questione di evoluzione, i cani sono semplicemente più “adattabili” allo stile di vita dell'uomo rispetto ai felini?...E ancora, alcuni scienziati argomentano l'inferiorità degli animali per il solo fatto di essere tendenzialmente abitudinari, ripetitivi e non in grado di “inventare” nulla di nuovo, né di “progredire”: qualcuno, a mio parere brillante e arguto, ha contestato tale teoria ipotizzando che forse le bestie non “progrediscono” perchè hanno già raggiunto il loro perfetto equilibrio su questa terra, al contrario dell'uomo che continua a scavare, cercare, cambiare, costruire, distruggere, senz riuscire a dare “stabilità” alla propria intelligenza, fine al proprio desiderio e armonia alla propria forma...

Quanto ho appena scritto è soltanto una provocazione e, come tutte le generalizzazioni, una posizione assolutamente discutibile e confutabile.

L'altro lato della medaglia, infatti, è che la straordinaria curiosità della specie-uomo (bella gara col gatto, vero?!) lo ha portato a interessarsi a più riprese al mondo animale, ricercando in esso le proprie radici o, quantomeno, qualche giustificazione ancestrale del suo “essere uomo”...

Ecco allora spuntare nel panorama dei “chiamati in causa” anche l' ORSO: animale maestoso, simbolo di forza, spesso di “ferocia”, di un mondo selvaggio temuto e, allo stesso tempo, affascinante, perchè apparentemente privo delle regole e delle consuetudini in cui, invece l'animale-uomo è rimasto “imbrigliato” nel corso della tanto blasonata “evoluzione”..

Di “orsi” (e uomini!) ha recentemente parlato nel suo libro, intitolato appunto “Uomini e orsi. Una breve storia”, Bernd Brunner il quale ha raccolto una grande quantità di materiale letterario, mitologico, etologico e antropologico, raccontando della lunga e persistente fascinazione che gli orsi hanno esercitato da sempre sull'uomo.

Scopriamo così che gli uomini dell'emisfero settentrionale hanno sempre immaginato l'orso come un essere collegato a loro, quasi un “parente”, tenendo però sempre bene a mente la sua “potenziale” pericolosità”. D'altronde migliaia di anni prima che la cultura occidentale venisse a sapere dell'esistenza dei gorilla e degli scimpanzé, i nostri antenati potevano vedere una creatura selvaggia in grado di alzarsi sugli arti posteriori e muoversi, al loro pari, in posizione eretta. Altre caratteristiche accomunano le due specie quale la posizione frontale degli occhi e l'essere “onnivori” (...ovvero non troppo “altezzosi” in fatto di cibo!).

orsi_bianchi_2

Che si parli di “Baloo”, il tenero orso del “libro della giungla” (con uno straordinario senso del ritmo!) o del tanto temuto e demonizzato “Grizzly”, concordo con B. Brunner quando dice: “Non siamo in grado di osservarli solo come animali, perchè non siamo mai in una posizione neutrale..dobbiamo tornare indietro nella storia e immaginare come potesse essere il mondo quando in giro c'erano molti più orsi che esseri umani..”

Ma forse, al di la di tutto, il vero messaggio del libro è che ciò che veramente possiamo fare per gli orsi è lasciarli in pace, dove ancora ci sono.

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGPET.net.
Lascia un commento per dire la tua o per chiedere informazioni.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Coniglio nano: tutto quello che devi sapere

Il coniglio nano è un ottimo animale da compagnia. E’ socievole, affettuoso, allegro e abbastanza facile da gestire. E’ importante però conoscere alcune regole fondamentali per la sua salute fisica e psichica.
L’alloggiamentoLa gabbia deve essere sufficientemente grande da permettere al coniglio di trascorrervi piacevolmente le ore in cui non potrà stare libero, almeno un metro quadrato. Deve contenere una casetta in cui l’animale possa rifugiarsi, un abbeveratoio ( meglio se uno a goccia e uno a terra), una ciotola in cui versare il cibo, ed essere sempre provvista di fieno. Si può anche dotare con un rullo di sali minerali che il coniglio consumerà a piacere. La lettiera è importante, poiché il coniglio ha una pelle molto delicata che facilmente va incontro ad irritazioni, vanno bene la segatura (non di pino o cedro), la paglia, il fieno e i pellets di mais. Non è adatta la lettiera in sabbia per i gatti, troppo irritante per la pelle delle zampe, e la carta di giornale che se ingeri…

La partenza delle rondini

Le rondini (Hirundo rustica)sono il simbolo della primavera ma la loro partenza caratterizza anche l'arrivo dell'autunno. La rondine è presente in quasi tutto il mondo ed è residente in tutti i continenti tranne in Australia. I nidi sono fatti di fango ed erba cementati insieme e variano nella forma per adattarsi alla locazione es . Fienili. Le rondini sono monogame. Le coppie si formano ogni primavera dopo l'arrivo nelle zone di riproduzione, anche se alcune coppie che si sono riprodotte con successo si accoppiano per molti anni ancora. I maschi, per attrarre le femmine, cantano e fanno sfoggio delle loro code. Di solito le rondini si riproducono tra maggio e agosto a seconda delle zone. Le uova di norma 4-5 bianche con macchie marroni e lilla; viene deposto un uovo al giorno e c'è spesso una seconda covata. L'incubazione dura 13-17 giorni. Centinaia di migliaia di coppie di questa specie si sono riprodotte fino alla fine di agosto e, in questi giorni, adulti e gi…

Cani in Inghilterra

Finalmente! Dal 1° gennaio 2012 cambiano le regole per portare il proprio cane in Inghilterra: tempi normali come per tutti gli altri paesi europei.Vediamo insieme quali sono le variazioni:
Non vengono più richiesti l’esame del sangue e i 6 mesi di attesa.
Applicazione del microchip a norma ISO 11784 - ISO 11785.
Passaporto UE.
Vaccinazione antirabbica dal almeno 1mese.
Trattamenti contro pulci, zecche e antielmintici effettuati non più di 48 ore e non meno di 24 ore prima dell’ingresso in Inghilterra.E' raccomandato di  vaccinare il cane/gatto per la rabbia solo dopo aver effettuato o verificato la presenza del microchip cioè l’ultima vaccinazione antirabbica del essere stata effettuata dopo l’inserimento del microchip. Ricordarsi di richiede alla ASL il passaporto UE: una volta in possesso rimane valido per tutta la vita del cane.Calcolare attentamente quando va fatto il trattamento antiparassitario, considerate il mezzo utilizzato per il viaggio: aereo, auto,…