Passa ai contenuti principali

Il British Shorthair

Il British Shorthair non è altro che il gatto domestico inglese, selezionato per mettere in evidenza le sue caratteristiche più accattivanti e gradevoli: forza, robustezza, grande abilità nella caccia ai topi, temperamento calmo ed equilibrato, affetto per l’uomo.

È una razza con una grande tradizione; le sue origini si fanno risalire ai gatti giunti al seguito delle truppe dell’Impero Romano ma è allevata con metodo solo dal XIX secolo. È infatti per mostrare la bellezza dei gatti domestici britannici che nel 1871, al Crystal Palace di Londra, venne organizzata la Prima Esposizione Felina di tutti i tempi da parte di Harrison Weir, il fondatore dalla moderna gattofilia. In questa Esposizione il gatto giudicato più bello fu infatti una femmina a pelo corto di colore Blue Tabby appartenente alla categoria dei gatti che oggi sarebbero definiti “di casa”, che in quella occasione venne eletta a rango di obi_venturina Razza - il British Shorthair, appunto - razza che è stata ritratta in numerose opere pittoriche e ha ispirato anche i disegnatori della Disney che hanno realizzato il “Gatto del Cheshire” con il suo enigmatico sorriso, uno dei protagonisti del film di animazione “Alice nel Paese delle Meraviglie”. Il “sorriso” è una caratteristica specifica del British: la forma e le proporzioni della sua testa fanno sì che l’animale abbia un’espressione dolce e curiosa, come appunto quella di un gatto che sorride. La selezione del British iniziò immediatamente con parecchi soggetti coinvolti perché molti allevatori si appassionarono a questa razza e nel giro di pochi anni vennero prodotti gatti di estrema bellezza e conformità allo standard, che già allora differiva poco da quello attuale; solo la taglia era un po’ più minuta.

Durante le due Guerre Mondiali i British ebbero vita difficile e furono decimati, come tutti gli altri gatti, tanto che il loro numero calò drasticamente. In quegli anni la razza si indebolì a causa di accoppiamenti in consanguineità stretta e con soggetti non selezionati, e la struttura dei British si fece mediamente più esile. Fu per rafforzala nuovamente che vennero operati accoppiamenti con gatti di razza Persiana e – soprattutto nel secondo dopoguerra – anche con Blu di Russia, Burmesi e Certosini. In questo modo venne introdotto nel genotipo di molti British il carattere del pelo lungo con la perdita della qualità specifica del mantello di questo gatto. Questa condotta ha portato inevitabilmente, nei tempi successivi, alla nascita di alcuni soggetti a pelo lungo o semilungo. Questa varietà di British, che viene detta “Longhair”, non è tuttavia riconosciuta dalla FIFé né dal britannico GCCF ma lo è da altre associazioni internazionali minori.

Apriamo ora una parentesi, proprio a proposito della pelliccia del British. Lo standard privilegia i soggetti con tessitura “crisp”, che tuttavia non vuol dire crespo. Il termine non rende bene nella sua traduzione in italiano, poiché significa “croccante, friabile, fresco” ma chi abbia avuto occasione di accarezzare un gatto con questa caratteristica la riconosce al volo. Il pelo non è lanoso e nemmeno serico ma quasi “croccante”, scattante, e dà un’impressone di freschezza. Oggi la FIFé non consente più accoppiamenti del British con altre razze, tranne che con gli Scottish Fold, che sono in tutto e per tutto simili ai British, tranne che per la nota “piega” delle orecchie.

Gli anni del secondo dopoguerra videro inoltre accrescersi sempre più la popolarità delle razze di gatto a pelo lungo e il British conobbe un lungo periodo di anonimato. Solo negli ultimi due decenni la sua popolarità è risalita, soprattutto nel Regno Unito e nei Paesi di cultura anglosassone.

Il British Shorthair è un gatto che non si trova facilmente al di fuori di Gran Bretagna e Irlanda. In Europa è discretamente diffuso in Scandinavia, Paesi Bassi e Germania ma molto meno altrove. In Italia è stato recentemente costituito un Club (CIBRIS; http://www.cibris.org) da un ristretto gruppo di allevatori italiani, proprio per diffonderne la conoscenza. Negli Stati Uniti, nelle Americhe e in generale negli altri continenti è rarissimo trovare gatti British, tranne in Nuova Zelanda e Australia, dove sono presenti alcuni allevamenti.
A cura di Laura Settimo
Titolare dell’ Allevamento della Fata Morgana

La prossima settimana torneremo con un articolo sul carattere del British Shorthair

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGPET.net.
Lascia un commento per dire la tua o per chiedere informazioni.

Commenti

Anonimo ha detto…
belli

Post popolari in questo blog

Il Coniglio nano: tutto quello che devi sapere

Il coniglio nano è un ottimo animale da compagnia. E’ socievole, affettuoso, allegro e abbastanza facile da gestire. E’ importante però conoscere alcune regole fondamentali per la sua salute fisica e psichica.
L’alloggiamentoLa gabbia deve essere sufficientemente grande da permettere al coniglio di trascorrervi piacevolmente le ore in cui non potrà stare libero, almeno un metro quadrato. Deve contenere una casetta in cui l’animale possa rifugiarsi, un abbeveratoio ( meglio se uno a goccia e uno a terra), una ciotola in cui versare il cibo, ed essere sempre provvista di fieno. Si può anche dotare con un rullo di sali minerali che il coniglio consumerà a piacere. La lettiera è importante, poiché il coniglio ha una pelle molto delicata che facilmente va incontro ad irritazioni, vanno bene la segatura (non di pino o cedro), la paglia, il fieno e i pellets di mais. Non è adatta la lettiera in sabbia per i gatti, troppo irritante per la pelle delle zampe, e la carta di giornale che se ingeri…

La partenza delle rondini

Le rondini (Hirundo rustica)sono il simbolo della primavera ma la loro partenza caratterizza anche l'arrivo dell'autunno. La rondine è presente in quasi tutto il mondo ed è residente in tutti i continenti tranne in Australia. I nidi sono fatti di fango ed erba cementati insieme e variano nella forma per adattarsi alla locazione es . Fienili. Le rondini sono monogame. Le coppie si formano ogni primavera dopo l'arrivo nelle zone di riproduzione, anche se alcune coppie che si sono riprodotte con successo si accoppiano per molti anni ancora. I maschi, per attrarre le femmine, cantano e fanno sfoggio delle loro code. Di solito le rondini si riproducono tra maggio e agosto a seconda delle zone. Le uova di norma 4-5 bianche con macchie marroni e lilla; viene deposto un uovo al giorno e c'è spesso una seconda covata. L'incubazione dura 13-17 giorni. Centinaia di migliaia di coppie di questa specie si sono riprodotte fino alla fine di agosto e, in questi giorni, adulti e gi…

Cani in Inghilterra

Finalmente! Dal 1° gennaio 2012 cambiano le regole per portare il proprio cane in Inghilterra: tempi normali come per tutti gli altri paesi europei.Vediamo insieme quali sono le variazioni:
Non vengono più richiesti l’esame del sangue e i 6 mesi di attesa.
Applicazione del microchip a norma ISO 11784 - ISO 11785.
Passaporto UE.
Vaccinazione antirabbica dal almeno 1mese.
Trattamenti contro pulci, zecche e antielmintici effettuati non più di 48 ore e non meno di 24 ore prima dell’ingresso in Inghilterra.E' raccomandato di  vaccinare il cane/gatto per la rabbia solo dopo aver effettuato o verificato la presenza del microchip cioè l’ultima vaccinazione antirabbica del essere stata effettuata dopo l’inserimento del microchip. Ricordarsi di richiede alla ASL il passaporto UE: una volta in possesso rimane valido per tutta la vita del cane.Calcolare attentamente quando va fatto il trattamento antiparassitario, considerate il mezzo utilizzato per il viaggio: aereo, auto,…