Passa ai contenuti principali

Classificazione strutture veterinarie

Le strutture veterinarie presenti sul territorio nazionale possono essere classificate in diverse categorie a seconda delle caratteristiche strutturali e di servizi erogati. La struttura più semplice corrisponde allo studio veterinario: che può essere con o senza accesso di animali. Se lo studio prevede l’accesso di animali deve essere rilasciata una autorizzazione sanitaria e la struttura dovrà avere dei locali atti allo svolgimento delle prestazioni medico veterinarie. Salendo incontriamo l’ a cui sono richiesti i seguenti requisiti strutturali: una sala d’attesa, un’area per gli adempimenti amministrativi, dei locali per l’attività clinica, una sala chirurgica e locali (o armadi) per il deposito dei materiali. In tutti i locali dell’ambulatorio veterinario deve eccerci un’adeguata illuminazione e ventilazione. Indispensabile la presenza dei servizi igienici.
clinica veterinariaPassiamo ora a vedere quali sono i requisiti indispensabili per poter definire una struttura altresì detta “Casa di Cura Veterinaria”. I requisiti strutturali comprendono locali atti a garantire i servizi di medicina, chirurgia, diagnostica per immagini e ricovero. Si dovranno quindi avere oltre alla sala d’attesa e alla sala per le visite, una chirurgia, un locale per la radiologia, i ricoveri ed anche un laboratorio interno. I ricoveri dovranno essere organizzati in modo da poter separare i normali pazienti in degenza da quelli affetti da malattie infettive quindi bisogna prevedere almeno un box separato dagli altri per questi casi. La figura del direttore sanitario riveste qui una maggiore importanza perché è previsto l’esercizio della professione di più medici veterinari. I medici che svolgono la loro attività all’interno delle cliniche veterinarie possono essere sia generici che specialisti. Nella sala d’attesa è una buona regola quella di esporre chiaramente gli orari e i turni dei vari medici e se possibile un regolamento.
Vediamo ora cosa significa . L’Ospedale Veterinario è una struttura veterinaria in grado di fornire prestazioni che coprano le esigenze degli utenti nell’arco della 24 ore. Saranno presenti più medici veterinari, generici o specialisti. Nei locali è prevista la degenza di animali oltre quella giornaliera. Nell’ospedale veterinario è inoltre garantito il servizio di pronto soccorso sull’arco delle 24 ore. Deve essere assicurata la con presenza continuativa di almeno un medico veterinario, nonché il servizio di diagnostica di laboratorio interno. I requisiti minimi strutturali comprendono: sala d’attesa, sala chirurgica, locale per gli adempimenti amministrativi e burocratici, locale per le visite cliniche, locale per la diagnostica radiologica, un locale per il laboratorio di analisi ad uso interno, un locale per il pronto soccorso ed uno per la terapia intensiva, un magazzino- locali o armadi destinati al deposito di materiale d’uso, farmaci attrezzature, strumentazioni; - locale adeguato e attrezzato con box e/o gabbie per la degenza degli animali; - locale separato per il ricovero di animali con malattie trasmissibili; - servizi igienici; - locali ad uso personale. • Requisiti minimi impiantistici: - nella sala di attesa e nei locali operativi deve essere assicurata un’adeguata illuminazione ed areazione; - impianto idrico. • Requisiti minimi tecnologici: - l’ospedale veterinario deve disporre di attrezzature e presidi medico-chirurgici in relazione alla specifica attività svolta. Requisiti minimi organizzativi: - identificazione e comunicazione all’utenza del nominativo del direttore sanitario; - affissione di orario, regolamento interno e modalità di accesso alla struttura; - presenza di almeno un medico veterinario nell’arco delle 24 ore.
A cura del Dott.Bartolomeo Borgarello







Commenti

Post popolari in questo blog

Il Rottweiler

Con piacere riportiamo il punto di vista di puppyschool.it sulla razza Rottweiler un cane di tutti ma non per tutti. L'origine di questa razza risale al XIII secolo quando Marco Polo descrisse per la prima volta i mastini del Tibet, da cui discenderebbero i Rottweiler. I mastini del Tibet venivano utilizzati come guardiani degli accampamenti militari dagli antichi Romani: le legioni romane sarebbero giunte, insieme ai mastini, fino in Germania e più precisamente a Rottweil,nel Wurtemberg. In questo luogo i mastini si incrociarono man mano con i cani da bestiame locali, fino a produrre la razza che oggi conosciamo con il nome di Rottweiler. Con il passare del tempo la cittadina di Rottweil crebbe dal punto di vista commerciale; i macellai e gli allevatori notarono l'intelligenza e l'astuzia di questi cani e decisero di iniziare ad addestrarli a condurre i bovini ai mercati. Attorno al 1900 la legge vietò il trasporto del bestiame su strada e dunque il Rottweiler

Il Coniglio nano: tutto quello che devi sapere

Il coniglio nano è un ottimo animale da compagnia. E’ socievole, affettuoso, allegro e abbastanza facile da gestire. E’ importante però conoscere alcune regole fondamentali per la sua salute fisica e psichica. L’alloggiamento La gabbia deve essere sufficientemente grande da permettere al coniglio di trascorrervi piacevolmente le ore in cui non potrà stare libero, almeno un metro quadrato. Deve contenere una casetta in cui l’animale possa rifugiarsi, un abbeveratoio ( meglio se uno a goccia e uno a terra), una ciotola in cui versare il cibo, ed essere sempre provvista di fieno. Si può anche dotare con un rullo di sali minerali che il coniglio consumerà a piacere. La lettiera è importante, poiché il coniglio ha una pelle molto delicata che facilmente va incontro ad irritazioni, vanno bene la segatura (non di pino o cedro), la paglia, il fieno e i pellets di mais. Non è adatta la lettiera in sabbia per i gatti, troppo irritante per la pelle delle zampe, e la carta di giornale che

La partenza delle rondini

Le rondini ( Hirundo rustica )sono il simbolo della primavera ma la loro partenza caratterizza anche l'arrivo dell'autunno. La rondine è presente in quasi tutto il mondo ed è residente in tutti i continenti tranne in Australia. I nidi sono fatti di fango ed erba cementati insieme e variano nella forma per adattarsi alla locazione es . Fienili. Le rondini sono monogame. Le coppie si formano ogni primavera dopo l'arrivo nelle zone di riproduzione, anche se alcune coppie che si sono riprodotte con successo si accoppiano per molti anni ancora. I maschi, per attrarre le femmine, cantano e fanno sfoggio delle loro code. Di solito le rondini si riproducono tra maggio e agosto a seconda delle zone. Le uova di norma 4-5 bianche con macchie marroni e lilla; viene deposto un uovo al giorno e c'è spesso una seconda covata. L'incubazione dura 13-17 giorni. Centinaia di migliaia di coppie di questa specie si sono riprodotte fino alla fine di agosto e, in questi giorni, adulti e g